Pulce, argento vivo e tentacoli d’amore

Pulce, argento vivo e tentacoli d’amore

19/03/18 – Canile Comunale di Velletri (Roma) – Associazione Veliterna Tutela del Cane

Pulce, vagava in zona Fienili insieme al fratellino, deceduto per cause sconosciute, probabilmente figli di cani padronali visto che nei giardini ce n’erano di simili a loro.
Catturata a fine novembre, l’abbiamo chiamata Pulce per il motivo più banale del mondo: al momento del ritrovamento era piena zeppa di pulci, tutte passate a miglior vita dopo l’applicazione dell’antiparassitario.
Nata a giugno 2017, taglia medio piccola ma di costituzione robusta, pesa 17 kg, di cui 5 saranno di ciccia e altri 5 di pelo.
Simil lupetta, bassa, tozza e pelosa, sembra Froufrou, il cane poggiapiedi de La Bella e la Bestia 😀
Sebbene ami correre, a lei non interessa se ha a disposizione 30 mq o diecimila, l’importante è avere la presenza di un umano, al quale si avviluppa come un polipo con le zampe tipo tentacoli.
Praticamente quando lei è libera nel recinto di sgambamento, noi siamo costretti a trascinarci da una parte all’altra con questi 17 kg di cane attaccati addosso…
Tutto ciò perchè nel suo caso scrivere “affettuosa” ci sembrava riduttivo.
A causa della sua vivacità e gioia di vivere, non è adatta a bambini molto piccoli, meglio un’adozione con ragazzi in età scolare, già abbastanza grandi da riuscire a gestire le sue imponenti e “amorevoli” esternazioni.
Da preferire adozione in casa con giardino.
Socievole anche con i cani oltre che con gli umani.

Se cercate un cane da compagnia (o un poggiapiedi massaggiante, visto che non sta ferma un attimo!) Pulce è il cane adatto a voi!

Chippata, vaccinata, sterilizzata, leishmania negativa.

Adottabile in tutto il centro e nord.
Per info dal lunedì al sabato ore 9:00-13:00 oppure via messaggio o mail orario no stop, ai seguenti contatti:
Ufficio Adozioni: 06.96453459
Caterina: 333.9726087 (anche whatsapp)
Claudia: 338.7034771 adozionicanilevelletri@gmail.com

Adotta un cucciolo o un nonnino abbandonato, non farlo morire solo, vivono anni reclusi come prigioneri E NON HANNO NESSUNA COLPA.